5 minuti con Gesù

Commento al Vangelo del giorno a cura di P. Antonio Maria Carfì

28 Giugno 2023 - Mercoledì

28 Giugno 2023 - Mercoledì

 

Carissimi Amici, buongiorno a tutti! Dio è Amore!

Mettiamoci in ascolto della Parola di Gesù:

Dal Vangelo secondo Matteo – 7,15-20 –

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Guardatevi dai falsi profeti, che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci! Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dagli spini, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. Ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li riconoscerete».

Anche oggi Gesù ci consegna un criterio di discernimento importante: si può riconoscere la qualità di un albero dai suoi frutti. Già l’Evangelista Giovanni aveva riportato un detto di Gesù che ci fa comprendere da cosa deriva la qualità di un frutto: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto» (15,1-2). Il tralcio porta il frutto prelibato degli acini di uva perché riceve la linfa vitale dalla vite di cui è un prolungamento. Ed è interessante notare come Gesù sottolinei: “vite vera”. Certo perché ci sono viti che non sono autentiche, le quali anziché irrorare di linfa vitale i tralci li avvelenano con ciò che di velenoso scorre in loro. La vite vera è Dio e i tralci siamo noi innestati in Lui attraverso il Battesimo. È questo il legame che dobbiamo preoccuparci di mantenere per tutta la vita. Infatti nel brano di Giovanni che vi ho citato più volte ricorre l’esortazione di Gesù: «Rimanete in me e io in voi» (v. 4). Se le radici della nostra vita sono innestate nell’Amore di Dio porteremo sicuramente frutti buoni: amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé (cfr. Galati 5,22). Saremo i frutti che testimonieranno la bontà dell’Albero! Se invece non staremo attenti e lasceremo prevalere la superficialità e permetteremo alla nostra coscienza di addormentarsi pian piano le radici del nostro essere cominceranno ad affondare nell’orgoglio, nella superbia, nel rancore, nel giudizio, nell’egoismo, nella lussuria e di conseguenza i frutti che produrremo saranno velenosi per noi e per gli altri.

Caro Gesù, Tu sai che vivendo nel villaggio globale dei social
ci preoccupiamo spesso della nostra immagine esteriore
e proviamo a convincere gli altri – e noi stessi –
che la nostra vita è piena di frutti, buoni e prelibati.
E speriamo davvero sia così…
In realtà a volte assomigliamo a dei bellissimi cespugli,
stracolmi di foglie, ma senza frutti!
Aiutaci a lavorare seriamente nella vigna che è il nostro cuore,
per sradicare la gramigna dell’orgoglio e della superbia,
per togliere le erbacce del giudizio e del rancore,
per liberare il terreno dai sassi della rabbia e della vendetta.
Aiutaci a comprendere che solo se restiamo uniti a Te
possiamo superare le sterilità dello scoraggiamento e delle paure,
per produrre invece frutti di sapienza e di misericordia,
di pace e di benevolenza, di perdono e di amicizie vere!
Essere uniti a Te è l’unica condizione
per produrre frutti buoni e belli, che portano in sé
l’odore della terra e il profumo del Cielo.
E le nostre case e le nostre strade
si riempiranno di fragranze nuove
che attireranno tutti coloro che hanno fame e sete di Te,
il Frutto benedetto di Maria,
il Frutto che dona la salvezza dall’albero della Croce!

Buona giornata a tutti! La Mamma Celeste ci benedica e sorrida sempre!

Appuntamenti

Orari

Sante Messe Domenicali

8.30
10.30
18.00


Preghiera quotidiana

La Fraternità accoglie quanti desiderano unirsi
alla preghiera comunitaria

6.30 Lodi e Santa Messa
(Lunedì ore 7.00)
12.00 Ora media e Santo Rosario
16.30 Vespri, Adorazione eucaristica e Santo Rosario

Logo bianco Cittadella dell'Immacolata