5 minuti con Gesù

Commento al Vangelo del giorno a cura di P. Antonio Maria Carfì

31 Luglio 2023 - Lunedì

31 Luglio 2023 - Lunedì

 

Carissimi Amici, buongiorno a tutti! Dio è Amore!

Mettiamoci in ascolto della Parola di Gesù:

Dal Vangelo secondo Matteo - 13,31-35 -

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami».
Disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta:
«Aprirò la mia bocca con parabole,
proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo».

Partiamo dall’ultimo versetto: «Aprirò la mia bocca con parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo». È stupefacente notare che Gesù ci rivela “cose nascoste fin dalla fondazione del mondo”, e dunque si presuppone siano cose fondamentali per l’Umanità, ma lo fa attraverso delle immagini semplici, comprensibili da tutti e prese dalla natura (il chicco di senape) e dalla vita quotidiana di ogni famiglia (il lievito)!
Certo, perché l’Amore ha bisogno di essere accolto e compreso e il Signore desidera che tutti lo possano conoscere, amare e accogliere nella propria vita. I simboli di oggi hanno molto in comune. Entrambi sono molto piccoli. Il granello di senape è il più piccolo in natura e anche il lievito viene usato in piccole misure. Entrambi sono chiamati a scomparire agli occhi degli uomini: il chicco viene interrato, il lievito si mescola con la pasta.
Ancora: entrambi non sono utili a sé stessi, ma del loro “sacrificio” ne godranno altri. Sì, perché il chicco di senape si trasforma in un albero che offrirà ombra e riparo per gli uomini, ma anche per gli uccellini che faranno il nido tra i rami. E così il lievito farà fermentare la pasta che sarà poi mangiata dagli uomini. Queste sono le leggi fondamentali del Regno: essere piccoli, scomparire agli occhi delle grandi masse, fare del proprio sacrificio un servizio d’amore per gli altri!
Ci rendiamo conto che è una logica che soprattutto oggi il mondo fa fatica a comprendere perché viviamo in un’epoca in cui prevale il bisogno di apparire, di farsi conoscere, di vivere all’interno del villaggio globale dei social per paura della solitudine, mentre in realtà sono proprio le relazioni virtuali ad amplificare il nostro senso di isolamento. Chiediamo al Signore la grazia di sentirci parte viva del Suo Corpo mistico e di fare della nostra vita, ogni giorno, un dono d’amore a tutti coloro che la Provvidenza ci fa incontrare.

Caro Gesù,
Tu sai che la cultura di oggi
ci spinge ad apparire, essere “presenti” il più possibile sui social,
per paura della solitudine,
di non “contare” abbastanza per gli altri,
di essere dimenticati, di restare “indietro”,
di non essere invitati al grande (s)ballo della vita.
Tu oggi ci apri gli occhi:
per essere realmente felici e realizzati
siamo chiamati a fare delle nostre vite un dono d’amore
a Te e ai fratelli e sorelle in umanità.
Al mondo che ci chiede di essere virtualmente grandi
altrimenti siamo rifiutati,
Tu dici che solo chi accetta la propria piccolezza e finitudine
può trovare la pace del cuore.
Al mondo che afferma con arroganza
i dogmi dell’egoismo e del pensare solo a sé stessi,
Tu opponi la logica serena del vivere la vita
come un servizio d’amore offerto a tutti.
Al mondo che grida disperatamente il suo bisogno
di vivere solo l’oggi come se non ci fosse un domani,
Tu offri la visione del Regno dei Cieli,
ossia ci insegni che la nostra vita tanto ha più senso
quanto più lungo è il tragitto da compiere
e quanto più amore mettiamo in ciò che facciamo.
E allora ci accorgiamo
che se la “grandezza” del mondo affossa gli altri,
il nostro essere piccoli per il Regno
ci fa crescere tutti nell'amore
e fa fermentare tutta la pasta della Storia verso di Te,
che sei l’Alfa e l’Omega, il Principio e il Fine di ogni cosa.

 

Buona giornata a tutti! La Mamma Celeste ci benedica e sorrida sempre!

Appuntamenti

Orari

Sante Messe Domenicali

8.30
10.30
18.00


Preghiera quotidiana

La Fraternità accoglie quanti desiderano unirsi
alla preghiera comunitaria

6.30 Lodi e Santa Messa
(Lunedì ore 7.00)
12.00 Ora media e Santo Rosario
16.30 Vespri, Adorazione eucaristica e Santo Rosario

Logo bianco Cittadella dell'Immacolata