Segui la vita della Cittadella

Alle soglie dell’eternità

Alle soglie dell’eternità

Il mese di novembre ci immerge ogni anno in un grande mistero. Quello delle realtà ultime, che si riveleranno a noi dopo la morte. Dall’esplosione di luce della solennità di Tutti i Santi ai toni più austeri della commemorazione dei defunti. Tutto per ricordare alla nostra vita, spesso frenetica e distratta, quell’Oltre che ci attende. E che deve diventare la meta e la misura del nostro agire quotidiano. Sì, perché alla sera della vita saremo giudicati sull’amore.

Sono sempre giorni di grazia quelli che aprono il mese di novembre. E alla Cittadella dell’Immacolata curiamo con particolare attenzione la liturgia e la predicazione dei grandi misteri che richiamano l’eschaton. Il primo novembre gioia e stupore hanno riempito i cuori nel contemplare l’innumerevole schiera di tanti fratelli e sorelle entrati nella pienezza della gloria. Una comunione spirituale resa ancora più forte dal canto delle litanie dei santi, che hanno impreziosito le solennissime celebrazioni.

E il giorno successivo il canto si è fatto più sommesso, ma non per questo meno intenso. Insieme agli amici del Pio Sodalizio per le Anime del Purgatorio, abbiamo vissuto un’intercessione corale per tutti coloro che ancora attendono di entrare in Paradiso. Una preghiera che si prolungherà, come ogni anno, per più giorni, con l’Ottavario dei defunti. Dando la possibilità a tanti fedeli di unirsi a noi nel suffragio per le anime purganti. Non solo quelle dei propri cari, ma anche le più abbandonate e bisognose. Al termine della celebrazione pomeridiana abbiamo raggiunto, con una processione penitenziale, la Cappella delle Anime del Purgatorio, dove ogni fedele ha potuto sostare qualche istante in preghiera.

E il 3 novembre, quasi a coronare un trittico, abbiamo celebrato il Primo Venerdì del mese. Dalle fiamme purificatrici del Purgatorio alle fiamme d’amore che scaturiscono dal Cuore di Gesù. A questo Cuore divino, ardente d’amore, abbiamo chiesto di accogliere presto i nostri cari in Paradiso. Intenso come sempre, dopo la Messa, il momento di adorazione e benedizione eucaristica.

Domenica 5 novembre la ricchezza della liturgia ha nutrito molte anime. P. Santo Donato ci ha ricordato il primato dell’umiltà e del servizio ai fratelli (cfr. Mt 23,12), di cui modello eminente è la Vergine Immacolata. E p. Francesco ha richiamato l’importanza di uno sguardo soprannaturale nei confronti dei ministri della Chiesa, capace di andare al di là delle loro fragilità umane (cfr. Mt 23,3).

Anche in quest’ultimo periodo numerosi sono stati i gruppi che hanno raggiunto la Cittadella per giornate di spiritualità e condivisione: dall’Associazione culturale Biesse (Reggio Calabria) ai numerosi pellegrini di Cinquefrondi e di Piale, fino al folto gruppo siciliano proveniente dalle parrocchie San Nicola di Bari e Maria SS. Assunta di Gualtieri Sicamiró (Messina). Per concludere con il "Centro Laboratori Sociali" della Piccola Opera Papa Giovanni Onlus (Catona, RC) e con l’equipe di “Mistero Grande”, venuta a preparare un seminario formativo per coppie di sposi.

La Cittadella continua ad essere luogo di formazione e di accoglienza, di preghiera e di incontro con Dio, di festa e di fraternità. Piccolo segno di quella Città celeste (cfr. Ap 21,2) che contempliamo in particolare in questo mese, unendoci all’anelito di tante anime purganti desiderose di esservi finalmente accolte. Con loro anche noi aspiriamo alle “cose di lassù” (Col 3,1), volgiamo lo sguardo al Cielo! Dove un giorno saremo per sempre avvolti dall’abbraccio della SS. Trinità, attraverso il dolcissimo Cuore dell’Immacolata.

Orari

Sante Messe Domenicali

8.30
10.30
18.00


Preghiera quotidiana

La Fraternità accoglie quanti desiderano unirsi
alla preghiera comunitaria

6.30 Lodi e Santa Messa
(Lunedì ore 7.00)
12.00 Ora media e Santo Rosario
16.30 Vespri, Adorazione eucaristica e Santo Rosario

Logo bianco Cittadella dell'Immacolata