5 minuti con Gesù

Commento al Vangelo del giorno a cura di P. Antonio Maria Carfì

22 Marzo 2024 - Venerdì

22 Marzo 2024 - Venerdì

Carissimi Amici, buongiorno a tutti! Dio è Amore!

Mettiamoci in ascolto della Parola di Gesù:

Dal Vangelo secondo Giovanni - Gv 10,31-42

In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».
Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: “Io ho detto: voi siete dèi”? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata –, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: “Tu bestemmi”, perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.

Non sono bastati i miracoli, le ‘opere’ di cui parla oggi Gesù, a convincere i Giudei del tempo che Lui fosse veramente il Messia, l’inviato del Padre. È più facile immaginarsi un cammino che da uomini ci fa diventare dèi, piuttosto che credere che Dio si è fatto uomo.
Nel primo caso, la divinità ci gratifica facendoci passare da una condizione inferiore (l’umanità) ad una superiore (la divinità). Conviene di più pertanto pensare ad un cammino glorioso che la divinità compie per farci accedere ad una vita superiore. Il contrario, invece, ci scandalizza. Facciamo fatica a pensare ad un Dio ‘debole’, che si fa come noi e che, come noi, soffre la fame, la sete, il sonno, la stanchezza, perfino la paura e l’angoscia di fronte alla morte.
Avremmo preferito che Gesù sgominasse i Suoi avversari a colpi di miracoli (eppure li ha fatti e pare non siano bastati...). Avremmo voluto che dimostrasse la Sua divinità annichilendo i Suoi oppositori e che alla fine, fosse sceso davvero dalla Croce mostrando i muscoli della Sua onnipotenza.
Un ‘dio’ così ci farebbe molto comodo, perché ci aiuterebbe contro i nostri nemici, ci farebbe vincere tutte le cause, ci darebbe sempre ragione. Diciamoci la verità: ci scandalizza un Dio incarnato che parla di amore e di perdono per i nemici, che ci chiede di benedire chi ci maledice e di fare del bene a coloro che ci odiano. Non parliamo poi del ‘porgere l’altra guancia’ o del pregare per i nostri persecutori… No, davvero, un Dio così, non lo capiamo. E ci scandalizziamo delle croci: Sua e nostra!
In questi giorni, più volte il Vangelo si conclude con il tentativo di arrestare Gesù o di lapidarlo, ma Lui si nasconde e si sottrae al linciaggio. Giusto per farci capire che il Suo arresto non è stato un incidente di percorso, ma è Lui che si è voluto consegnare quando la Sua Ora era giunta. Ossia la Sua morte non è il segno che la violenza e l’odio hanno vinto, anche se per poco, su di Lui. È il segno, piuttosto, della consegna e dell’offerta libera e amante che ha fatto di sé stesso per amore nostro.
E allora cosa vuol dire che noi crediamo? In cosa crediamo, alla luce della Pasqua? Nell’Amore che Dio ha per noi! Sì, i Santi sono coloro che hanno creduto all’Amore e lo hanno seguito in tutta la loro vita. E anche noi chiediamo questa grazia per questa Pasqua: credere all’Amore, imparare a fidarci dell’Amore anche quando ci guida per vie che non conosciamo.

Caro Gesù,
avremmo tanto voluto
che la Settimana Santa avesse avuto per Te
un epilogo diverso,
che avesse riservato, a Te e a noi,
un finale a sorpresa, un lieto fine inatteso.
Forse perché non abbiamo capito
che il lieto fine c’è stato davvero,
ma non lo vediamo ancora
perché probabilmente gli occhi
si sono fermati sulla Croce,
l’orologio della fede si è bloccato al Venerdì Santo.
Invece quel Santo Sepolcro di Gerusalemme è vuoto!
Quei lenzuoli che si erano illusi
di trattenere per sempre il Tuo Corpo
erano messi lì da parte, ben sistemati.
Sì, perché Tu, da gran Signore quale sei,
hai voluto lasciare tutto in ordine
prima di spezzare per sempre le catene della morte.
Perché nulla può trattenere l’Amore!
Aiutaci a credere in Te!
Aiutaci a credere nell’Amore!
E la vita diventerà un’avventura stupenda.
E la morte non ci farà più paura!”.

Buona giornata a tutti! La Mamma Celeste ci benedica e sorrida sempre!

Appuntamenti

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Orari

Sante Messe Domenicali

10.30
18.00


Preghiera quotidiana

La Fraternità accoglie quanti desiderano unirsi
alla preghiera comunitaria

6.30 Lodi e Santa Messa
(Lunedì ore 7.00)
12.00 Ora media e Santo Rosario
16.30 Vespri, Adorazione eucaristica e Santo Rosario

Logo bianco Cittadella dell'Immacolata