5 minuti con Gesù

Commento al Vangelo del giorno a cura di P. Antonio Maria Carfì

12 Maggio 2024 - Domenica

12 Maggio 2024 - Domenica

Carissimi Amici, buongiorno a tutti! Dio è Amore!

Mettiamoci in ascolto della Parola di Gesù:

Dal Vangelo secondo Marco - Mc 16,15-20

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

Sembrerebbe essere un momento ‘triste’ perché Gesù si sottrae per sempre alla vista dei discepoli. In realtà, il Signore fa una promessa: “Ecco io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.
Gesù non scompare dalla vita degli uomini, anzi, ora può essere presente in un modo nuovo ed ancora più intimo. Intanto ha promesso di essere ‘con noi’. Vuol dire che è dalla nostra parte, che si occuperà di noi, che seguirà i nostri passi. ‘Essere con’ è una delle leggi immutabili dell’amore.
Tuttavia la presenza di Gesù dopo la Pasqua è ancora più radicale. Infatti Egli non solo è ‘con’ noi, ma ‘in’ noi! Per essere fonte di pace e di amore, per infondere forza ai nostri passi incerti, per alimentare la speranza ed accendere in noi il fuoco della carità. Per aiutarci ad uscire dalle nostre chiusure e paure ed educare il nostro cuore al dono. Per sciogliere per sempre i nostri dubbi sul Suo Amore, perché spesso anche noi attraversiamo dei momenti in cui dubitiamo, proprio come la prima Comunità cristiana: “Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono”.
E qui mi domando quanto è grande la pazienza di Dio verso di noi. Infatti non si attarda a rimproverarli, ma spiega – nonostante la persistenza dei dubbi – quale missione affida loro: “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato”.
Battezzare, in greco, significa ‘immergere’. Allora Gesù sta dicendo ad ognuno di noi: “immergetevi nell’Amore di Dio e aiutate chi vi sta accanto ad incontrare l’Amore di Dio!”. Il Vangelo cammina con le nostre gambe ed entra nel quotidiano con le nostre scelte impregnate di Amore e di Verità.
Quando ci incontriamo tra di noi, non raccontiamoci solo i guai e i problemi che ci affliggono. Cominciamo a raccontarci anche le cose belle che Dio ha compiuto e compie ogni giorno nella nostra vita; testimoniamoci l’un l’altro la gioia di avere incontrato Cristo. La nostra storia è già piena di tante notizie brutte che ci deprimono e ci spaventano riguardo al presente e anche al futuro.
E allora raccontiamoci anche le cose belle, la ‘buona notizia’ (appunto ‘il Vangelo’) che Dio ci ama e che è con noi e in noi. E infine, Gesù ci invita ad insegnare ad obbedire a ciò che Lui ci ha comandato. E cosa ci ha comandato? Di amarci gli uni gli altri come Lui ci ama. Non si tratta di insegnare dottrine e spiegare dogmi! Si tratta invece di impegnarci a fare l’unica cosa che ci rende veramente felici: amare e lasciarci amare! Così, l’immersione in Dio è completa!

Caro Gesù,
la Tua Ascensione è evento paradossale!
Da una parte Ti vediamo tornare al Padre
e dall’altra scopriamo che sei in ognuno di noi,
come Roveto ardente che brucia senza consumare.
E mentre i nostri occhi guardano verso ‘l’alto’,
sentiamo che il cuore è chiamato
ad impegnarsi ‘quaggiù’,
nel ‘basso’ di questa bella,
ma povera e fragile terra.
Sì, perché inviti ognuno di noi
a renderla sempre più ‘umana’ questa terra,
immergendola ogni giorno nel Tuo Amore.
E ci mandi nel mondo a ricordare a tutti
che la fonte per dissetare
la nostra arsura insaziabile di felicità
sei Tu, che vivi ‘per noi’,
‘con noi’, ‘in noi’.
Grazie Gesù
perché il Cielo non è più una meta lontana,
ma lo specchio nel quale vediamo riflessa
la nostra immagine di figli,
chiamati ad essere ogni giorno
trasparenza del Tuo Amore.
Aiutaci ad esserlo
per non tradire la nostra vocazione di battezzati.

Buona festa dell’Ascensione a tutti! La Mamma Celeste ci benedica e sorrida sempre!

Appuntamenti

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

Orari

Sante Messe Domenicali

10.30
18.00


Preghiera quotidiana

La Fraternità accoglie quanti desiderano unirsi
alla preghiera comunitaria

6.30 Lodi e Santa Messa
(Lunedì ore 7.00)
12.00 Ora media e Santo Rosario
16.30 Vespri, Adorazione eucaristica e Santo Rosario

Logo bianco Cittadella dell'Immacolata